www.atleticadugenta.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Benvenuto sul sito ufficiale dell'atletica Dugenta

REGOLAMENTO "6ORE"

E-mail Stampa PDF

"6ORE DELLE CARRERE" Scarica il regolamento in PDF qui sotto.

Attachments:
FileDescrizioneFile size
Download this file (regolamento 6 ore.pdf)regolamento 6 ore.pdf 394 Kb
Ultimo aggiornamento Martedì 24 Gennaio 2017 11:09
 

"6 STORIE PER LA SEI ORE"

E-mail Stampa PDF

Non dimenticate di partecipare al concorso letterario "6 storie per la 6 ore"!! Chi corre ha di sicuro una bella storia da raccontare. E per farvi venire l'appetito ve la racconto io una bella storia. La storia della battaglia di Maratona, la più bella storia di corsa e di coraggio che sia mai stata raccontata, e che, non a caso, dà il nome alla "distanza regina" dell'atletica leggera.

Nell'estate del 490 a.C. il re persiano Dario decide di punire gli Ateniesi dell'aiuto che hanno dato agli Ionii a rivoltarsi contro di lui. Dirige quindi il suo esercito prima verso l'isola di Eretria, che viene devastata e saccheggiata. Poi si dirige via mare verso sud.
Tebe, Micene, la Tracia tutta non si schierano, anzi sperano segretamente di trarre vantaggio dalla distruzione della potente Atene. Gli Ateniesi decidono di chiedere aiuto a Sparta, il cui esercito è la più potente macchina bellica del mondo conosciuto. Viene inviato un messagero a piedi, un emerodromo, ovvero letteralmente colui che è capace di correre un giorno intero. E lui va. Il suo nome è Fidippide. A piedi, perchè l'antica Grecia non è l'impero romano, non ci sono strade. Se va bene c'è una traccia di sentiero, se no ti devi fare largo tra rocce, burroni e foreste. Impossibile a cavallo. E corre: ci mette due notti e un giorno secondo Erodoto, ovvero circa 36 ore, a percorrere i 262 km che separano Atene da Sparta. Beve se trova un ruscello. Mangia se trova cibo. Si orienta col sole e con le stelle. Ai piedi sandali di cuoio che probabilmente saranno andati in pezzi dopo poche ore. Non può camminare, deve correre, si tratta del suo popolo, della sua città, della sua famiglia. Gli Spartani non possono muoversi prima del plenilunio, cioè tra sette giorni, ma sono pronti a prestare aiuto. Nel frattempo Dario ha iniziato lo sbarco sulla spiaggia nei pressi della cittadina di Maratona. Il suo esercito, forte di 300 mila uomini è provato, a corto di acqua e cibo, e nella piana sabbiosa scarseggia il foraggio per i cavalli. Dalle colline circostanti 10 mila Ateniesi osservano per tre giorni e tre notti le operazioni di sbarco che vanno a rilento, la spiaggia è piccola, le navi grosse e pesanti. Giunge infine la ferale notizia: gli Spartani non arriveranno in tempo. E giunge anche al campo persiano, perché da quando c'è la guerra ci sono le spie. Sicuro di ricevere presto un'ambasceria di pace, Dario interrompe le operazioni di sbarco. Non schiera l'esercito. Non ascolta le spie che gli assicurano che mai e poi mai Milziade gli andrà incontro inchinandosi. All'alba gli Ateniesi vanno all'assalto, di corsa. Diecimila contro centomila. Nel campo persiano la sorpresa si trasforma subito in caos, i cavalli non sono bardati, i carri slegati, gli uomini non sono schierati. I famosi arcieri persiani hanno ben pochi secondi per scagliare poiche' solo 1500 metri separano i due eserciti. In breve la strage si compie, le navi persiane prendono il largo, lasciando sul campo un terzo dell'esercito, circondato, senza scampo. 80000 persiani vengono uccisi, più della metà mentre cerca di fuggire in preda al terrore e almeno altri 10000 vengono fatti prigionieri. Gli Ateniesi perdono solo 160 uomini. 
Le forze di Dario sono ancora cospicue, il suo piano è quello di raggiungere via mare Atene, e dunque bisogna correre, avvertirli. 
Viene inviato ancora Fidippide, che nel frattempo s'è fatto pure la battaglia. E lui corre, ci sono 42,195 km da Maratona fino all'agorà di Atene. Porta nascosti su di sè gli ordini di Milziade, fortificare la città, resistere, l'esercito ateniese sta arrivando a marce forzate. Al suo arrivo riesce a dire una sola parola: NIKE! (vittoria, e si legge come è scritta, non c'entra un cazzo con le scarpe). Tre volte, NIKE;NIKE;NIKE! Poi cade al suolo, sfinito, e muore. 
Il piano di Dario viene sventato, e i suoi soldati sono ormai tanto terrorizzati dal furore degli Ateniesi e dalle perdite subite a Maratona che non non vedono l'ora di tornarsene a casa.
Amici runners, fratelli miei. 
Quando correte una maratona state onorando la memoria di quegli uomini che preferirono affrontare la morte in piedi, di corsa piuttosto che vivere in ginocchio. State ricordando la più antica lotta per la libertà di cui l'uomo abbia memoria. 
Chiunque indossi delle scarpe da corsa dovrebbe provare questa emozione e quest'impresa. Noi non corriamo perchè siamo liberi. Corriamo perché NON siamo liberi. Oppressi da centinaia di incombenze, scadenze, responsabilità, dai numerosi piccoli fallimenti che la quotidianità ci riserva, possiamo però arrivare al 42.195° metro a gridare, magari solo a noi stessi, magari solo una volta: NIKE! NIKE! NIKE!
P.S. e gli Spartani? Arrivarono a Maratona tre giorni dopo la battaglia. Osservarono tutto con attenzione e stupore, e poi se ne tornarono a casa, dicendosi certi che qualche Dio avesse lottato al fianco degli Ateniesi. Si riscatteranno 10 anni dopo, alle Termopili. Ma questa, è un'altra storia.....

 

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 23 Gennaio 2017 17:07
 

S.Antonio Abbate

E-mail Stampa PDF

Baciati dal sole, temperatura accettabilissima, solo un leggero venticello. Percorso molto tecnico con sali e scendi per niente noioso, eravamo in 1000 atleti a percorrerlo, con sfondo una cornice di montagne innevate e il Vesuvio a farne da padrone. "Stamane i runners dell'Atletica Dugenta, indomiti dopo la notte brava alla cena sociale, sono partiti all'alba per S. Antonio Abate, per disputare una splendida gara, magnificamente organizzata, tra cui c'è da sottolineare il ritorno dopo un lungo periodo di assenza per infortunio di uno degli atleti di punta dell'A.S.D.ATL.DUGENTA e stiamo parlando di Domenico Ruggiero che ha chiuso la sua gara con un tempo di 38'29'' sicuramente il passaggio ai 10000 mt sarà stato 37'00'' perchè il tracciato oggi misurava 10200mt. Ma come dice lui "questo è solo l'inizio".

 

Anche se la partenza era alla 9:15, la sveglia per noi è suonata davvero presto poiché la nostra speaker Zagara Arancio che faceva le interviste per Telegolfo, non vedeva l'ora di chiederci qualcosa sulla nostra 6ore delle Carrere".
A breve speriamo di potervi mostrare il video dell'intervista. Un Grazie speciale al nostro Decano,"Zio"Michele Suppa,che ancora una volta ha indossato i panni del motivatore, al grido:"non invidiatemi, imitatemi!"

 

 

Ultimo aggiornamento Domenica 22 Gennaio 2017 21:07
 

REGOLAMENTO "6ORE DELLE CARRERE"

E-mail Stampa PDF

Attachments:
FileDescrizioneFile size
Download this file (regolamento 6 ore.pdf)regolamento 6 ore.pdf 394 Kb
Ultimo aggiornamento Martedì 24 Gennaio 2017 11:08
 


Pagina 1 di 57

REGOLAMENTO 6 ORE

Area Privata

Nuovo Foto Album

Banner

FOTOGALLERY

Magazine

Previsioni meteo Italia

Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2017 EUMETSAT

Copyright - www.passioneducati.com

Profilo socio

Login

Utente on line

None

Web Master

G. Mingione

FREERUNNER


Avviso

___________________________________ Sì ricorda di RINNOVARE i certificati medici scaduti. ______________________________ Sono state aggiornate le password per l'accesso all'area privata:USERNAME nomecognome,PASSWORD:data di nascita ggmmaaaa,l'ggiornamento è valido solo per gli atleti ATTIVI al 2015. ___________________________________ ATLETICA DUGENTA ANCHE SU FACEBOOK
Banner
Banner
Dona il 5 per mille all'atletica Dugenta: p.iva 01356760627
Link consigliati:
Banner
Banner
Banner
Banner